top of page

Terza Domenica di Quaresima

Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere

Dal Vangelo secondo Giovanni (2,13-25)

Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!». I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà». Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo. Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù. Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull'uomo. Egli infatti conosceva quello che c'è nell'uomo.

Parola del Signore

 

Una Parola

Il Vangelo di oggi, anche se non sembra, è la continuazione naturale delle considerazioni che abbiamo potuto fare riguardo il Vangelo di ieri. Sì, perché dopo aver fatto esperienza dell'amore GRATUITO del Padre non puoi dimenticarlo così facile, non c'è posto per MERCANTEGGIARE con lui, anzi, non c'è proprio bisogno!

Il Vangelo di Oggi ci presenta un Gesù forte, che compie un gesto profetico che rimanda a un culto autentico che parte dal cuore e si armonizza con la vita.

Per aiutarci nella riflessioni ecco alcune domande:

  • In che modo mi trovo a vivere da commerciante e cambiamonete con Dio e con gli altri?

  • Quale dinamica fuori dalla logica del dono vorrei affidare al Signore?

  • Quali sono gli impulsi che mi accecano e mi impediscono di agire liberamente?

  • Come o attraverso chi il Signore è venuto, per iniziare a liberarmi da queste logiche e da queste schiavitù?

  • Di quale aspetto della mia vita oggi desidero prendermi cura, con lo stesso zelo di Gesù al tempio?

Buona domenica!


... per crescere nella fraternità

Siamo così tornati al mistero del nostro cuore, che è il centro della nostra vita e identità umana. È nel cuore che le nostre idee, intuizioni, emozioni e decisioni più profonde hanno la loro sorgente. Ma è anche nel cuore che spesso ci alieniamo di più da noi stessi. Sappiamo poco o nulla del nostro cuore. Giriamo alla larga, come se ne avessimo paura. Ciò che è più intimo ci spaventa di più. Proprio dove siamo più veramente noi stessi, siamo spesso estranei a noi stessi. È questo il lato doloroso del nostro 'essere uomini'. Non riusciamo a conoscere i nostri centri nascosti, e ci capita perfino di vivere e morire senza sapere chi siamo in realtà. Se ci chiediamo perché pensiamo, sentiamo e agiamo in una data maniera, spesso non sappiamo rispondere, e dimostriamo così che siamo forestieri perfino in casa nostra.
Il mistero della vita spirituale è che Gesù vuole incontrarci nel segreto del nostro cuore, per farci conoscere il suo amore, liberarci dalle nostre paure e farci conoscere la nostra personalità più profonda. Nel segreto del nostro cuore, perciò, possiamo imparare non solo a conoscere Gesù ma anche, attraverso Gesù, a conoscere noi stessi. Se ci rifletti su un istante, vedrai un'interazione tra l'amore di Dio che ti si rivela e una crescita costante nella conoscenza che hai di te stesso. Ogni volta che lasci penetrare l'amore di Dio più profondamente nel tuo cuore, perdi un po' della tua ansietà, e ogni volta impari a conoscerti meglio e brami di essere più conosciuto dal tuo Dio che ti ama.

(H.J.M. NOUWEN, Lettere a un giovane sulla vita spirituale, Brescia, Queriniana, 72008, 75).



15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page