Seconda domenica di Quaresima

Questi è il Figlio mio, l'amato.

Dal Vangelo secondo Marco (9,2-10)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell'uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti. Parola del Signore



Una Parola...

Oggi il Vangelo, anzi tutta la liturgia della domenica ci invita a proseguire nel nostro cammino verso la Pasqua. Settimana scorsa, ci siamo addentrati nel deserto del "riconoscimento" e della "verbalizzazione" di tutto ciò che ci allontana del Vangelo nella nostra vita. (Il Vangelo di Marco infatti, ci da la possibilità di inserire noi stessi le nostre tentazioni.)

Questa domenica il nostro cammino prosegue e siamo invitati a contemplare Gesù che si rivela a noi così come egli è. Ci mostra la sua bellezza e ci permette di ascoltare la voce del Padre che ci indica il cammino da fare: "ASCOLTATELO!"

Come gli apostoli siamo condotti sul monte per non temere di seguire Gesù verso il suo mistero Pasquale, chiamati a rileggere ogni passo della nostra vita. La Trasfigurazione non ci mostra una "nuova realtà" ma ci presenta la verità realtà che diventa luminosa se è conforme alla logica del dono.

Oggi lasciamoci portare in disparte da Gesù per ridare vigore al nostro cammino.


... per crescere nella fraternità

Gesù voleva che i suoi discepoli in particolare quelli che avrebbero avuto la responsabilità di guidare la Chiesa nascente facessero un esperienza diretta della sua gloria divina per affrontare lo scandalo della croce. In effetti quando verrà l’ora del tradimento e Gesù si ritirerà a pregare nel Getsemani terrà vicini gli stessi Pietro Giacomo e Giovanni chiedendo loro di vegliare e pregare con Lui (cfr Mt 26 38). Essi non ce la faranno, ma la grazia di Cristo li sosterrà e li aiuterà a credere nella Risurrezione. Mi preme sottolineare che la Trasfigurazione di Gesù è stata sostanzialmente un’esperienza di preghiera (cfr. Lc 9, 28-29). La preghiera infatti raggiunge il suo culmine e perciò diventa fonte di luce interiore quando lo spirito dell’uomo aderisce a quello di Dio e le loro volontà si fondono quasi a formare un tutt’uno. Quando Gesù salì sul monte si immerse nella contemplazione del disegno d’amore del Padre che l’aveva mandato nel mondo per salvare l’umanità. […] Cari fratelli e sorelle vi esorto a trovare in questo tempo di Quaresima prolungati momenti di silenzio possibilmente di ritiro per rivedere la propria vita alla luce del disegno d’amore del Padre celeste. Lasciatevi guidare in questo più intenso ascolto di Dio dalla Vergine Maria maestra e modello di preghiera. Lei anche nel buio fitto della passione di Cristo non perse ma custodì nel suo animo la luce del Figlio divino. Per questo la invochiamo Madre della fiducia e della speranza.

(Benedetto XVI, Parole prima dell’Angelus, 08. 03. 2009).

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

COME TE

PREZZO