Giovedì - 3° Settimana di Quaresima

Chi non è con me è contro di me.

Dal Vangelo secondo Luca (11,14-23)

In quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. Ma alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull'altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio. Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino. Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde». Parola del Signore

Una Parola...

Oggi siamo richiamati dalla Parola di Dio a verificare la nostra apertura nei confronti dell'altro. Infatti, anche noi in questo tempo, così detto "della comunicazione", rischiamo di assomigliare molto ai contemporanei di Gesù, e presi dalle proprie idee e giudizi, possiamo diventare ciechi di fronte all'azione di Dio nella vita e nella storia di chi ci è vicino.

Ma il Signore non si arrende alle nostre chiusure, ci raggiunge e ci incontra là nelle nostre chiusure, nella nostra debolezza. Infatti, dobbiamo riconoscere che tante volte ci manca la capacità di un rapporto profondo con l'altro.

Oggi guardiamo la nostra capacità di ascolto, come una rinnovata capacità e volontà di rientro nel nostro cuore per farne un vero cammino di profonda trasformazione. Infatti, ascoltare è sempre amare, come amare è sempre ascoltare.

Buon cammino!

... per crescere nella fraternità

Certo, «non è un compito facile quello di superare l’amara eredità di ingiustizie, ostilità e diffidenze lasciata dal conflitto. Si può realizzare soltanto superando il male con il bene (cfr Rm 12,21) e coltivando quelle virtù che promuovono la riconciliazione, la solidarietà e la pace». In tal modo, «a chi la fa crescere dentro di sé, la bontà dona una coscienza tranquilla, una gioia profonda anche in mezzo a difficoltà e incomprensioni. Persino di fronte alle offese subite, la bontà non è debolezza, ma vera forza, capace di rinunciare alla vendetta». Occorre riconoscere nella propria vita che «quel giudizio duro che porto nel cuore contro mio fratello o mia sorella, quella ferita non curata, quel male non perdonato, quel rancore che mi farà solo male, è un pezzetto di guerra che porto dentro, è un focolaio nel cuore, da spegnere perché non divampi in un incendio».
Quando i conflitti non si risolvono ma si nascondono o si seppelliscono nel passato, ci sono silenzi che possono significare il rendersi complici di gravi errori e peccati. Invece la vera riconciliazione non rifugge dal conflitto, bensì si ottiene nel conflitto, superandolo attraverso il dialogo e la trattativa trasparente, sincera e paziente. La lotta tra diversi settori, «quando si astenga dagli atti di inimicizia e dall’odio vicendevole, si trasforma a poco a poco in una onesta discussione, fondata nella ricerca della giustizia».
(Fratelli Tutti n. 243-244)
12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

COME TE

PREZZO